Italia Filippine, il recap e le pagelle dell’esordio azzurro

Pubblicato da Matteo Puzzuoli il

Dopo la lunga fase di preparazione, arriva finalmente il debutto degli Azzurri nella FIBA World Cup contro i nostri amici/nemici delle Filippine. Biligha e Datome sciolgono subito il ghiaccio in attacco lanciando l’Italia sul 9-2 mentre in difesa Gallinari, dopo essere spazzato via una volta da Blatche, prende le misure alla stella delle Filippine. Il quintetto base azzurro abbassa il ritmo della sfida ma gioca con grande pazienza e coralità su entrambi i lati del campo: tutti toccano la palla, tutti sono concentrati e aggressivi, tutti che fanno quel passo in più per aiutare la squadra. Non c’è un uomo azzurro che non dia un contributo positivo (Belinelli e Gallinari notevoli su entrambi i lati del campo) e già dopo 10’ la partita è in freezer (37-8).

Ovviamente per i filippini la rimonta è impossibile; nel secondo quarto, a parte lampi di agonismo di Fojardo e CJ Perez, gli azzurri, ovviamente, giocano sul velluto e scappano tranquillamente sul 62-24.

Nei restanti 20 purissimi minuti di garbage time, una citazione d’onore se la merita Robin Bolick che, dall’alto dei suoi 182 cm e il suo fisico da muratore, ci dava dentro da matti come se i Gilas fossero punto a punto con gli azzurri: peccato che a fine partita lo scarto tra le due squadre è di

Avevamo sopravvalutato i filippini? Molto probabile. Cosa dobbiamo conservare da questa partita? La mentalità dei primi minuti della gara. Va bene, i filippini che incontriamo al campetto sono più forti di quelli che hanno giocato oggi a Foshan ma non per questo dobbiamo sminuire la prestazione degli uomini di Sacchetti. Anche con l’Angola ci aspetta una partita simile ed è per questo motivo che sarà fondamentale mantenere lo stesso approccio. Per poi pensare alla Serbia che lì si comincia a fare sul serio davvero.

Italia Filippine, le pagelle degli Azzurri

MVP: Danilo GALLINARI: 8: semplicemente perfetto su entrambi i lati de campo e quel paio di difese aggressive su Blatche sono la cartolina da portarsi dietro per il resto del torneo. Poi, ecco, se i filippini lo sfidano anche a tirare da 3… (16 pts, 3 reb, 4 ast)

Marco BELINELLI: 8: lui e il Gallo a pari merito sono stati i migliori dei nostri. Grande uomo squadra, lo “ha fatto strano” pure oggi e ci mette anche una difesa notevole, mai vista negli scorsi mesi di preparazione. (9 pts, 3 reb, 4 ast)

Daniel HACKETT: 7.5: ha orchestrato molto bene l’attacco azzurro e un paio di triple segnate nel primo quarto possono avere un impatto molto importante per la sua fiducia. (7 pts, 4 reb, 4 ast)

Gigi DATOME: 7.5: si prende i suoi tiri e li segna, senza sovraccaricare il suo ancora malconcio ginocchio sinistro. Per adesso va bene così. (17 pts, 3 reb, 2 ast)

Paul BILIGHA: 7.5: potrà raccontare di aver segnato il primo canestro azzurro ai Mondiali dopo 13 anni. Per il resto come al solito è più piccolo di tutti i centri ma come al solito migliaia di legnate sotto i tabelloni non le risparmia mai a nessuno. (8 pts, 3 reb, 0 ast)

Jeff BROOKS: 7: si conferma un collante fondamentale per questa squadra. Sarà interessante vederlo in sfide più probanti. (8 pts, 4 reb, 1 ast)

Awudu ABASS: 7. Cavolo come vola, protagonista di una schiacciata da highlights quando ormai tutti stavano solo aspettando la sirena finale. (2 pts, 0 reb, 1 ast)

Alessandro GENTILE: 7: mezzo voto in meno rispetto ai top solo perché entrato a partita già ben indirizzata. Ma conferma di essere in grandi condizioni. (6 pts, 1 reb, 3 ast)

Amedeo DELLA VALLE: 7: okay, era già garbage time, ma per uno scorer come Della Valle è importante smuovere molto la retina anche contro i Gilas per essere motivato nelle sfide future. (17 pts, 4 reb, 3 ast)

Ariel FILLOY: 6.5: diciamo che una sfida non competitiva come questa contro le Filippine non fa emergere l’agonismo dell’italo-argentino. (7 pts, 1 reb, 2 ast)

Amedeo TESSITORI: 6.5: è l’autore della bomba sul finale del terzo quarto. Bella cartolina da portarsi dietro da Foshan. (9 pts, 8 reb, 0 ast)

Luca VITALI: 6.5. Difficile da giudicare, vedremo nelle prossime partite. (2 pts, 0 reb, 5 ast)

Italia Filippine, le pagelle dei Gilas

MVP: June Mar FAJARDO: 6. Andray BLATCHE: 5. Japeth AGUILAR: 5. Roger POGOY: 5. Mark BARROCA: 4.5. Gabe NORWOOD: 4. Paul LEE: 4.5. Kiefer RAVENA: 4. Robin BOLICK: 6. CJ PEREZ: 6. Raymond ALMAZAN: 5. Troy ROSARIO: 5.


Matteo Puzzuoli

Matteo Puzzuoli

Classe 1999, studente di Comunicazione alla Sapienza di Roma. Sogno di diventare giornalista sportivo a seguito di essermi drogato, giocando nelle minors, di una sostanza pesante: la pallacanestro. Amante di LeBron, Doncic e (soprattutto) Marjanovic, il basket per me è arte, il mix perfetto tra singolo e collettivo. Non finisce mai di sorprendere.