NBA Draft 2020
Tutte le 30 scelte del primo giro del NBA Draft 2020 (NBA.com)

NBA Draft: tutte le scelte!

La grande notte dell’NBA Draft si è appena conclusa. Proviamo a fare il riassunto di tutto quello che è successo, tra nuovi arrivati nella lega e il mercato in totale ebollizione.

Ecco le trade e tutte le scelte della notte, mentre qui trovate una situazione riassuntiva e aggiornata di tutte le 30 squadre dopo gli scambi.

Prima delle 30 scelte del primo giro, menzione speciale per il nostro Nico Mannion, uscito da Arizona e scelto alla Numero 48 dai Golden State Warriors. In attesa di capire che ne sarà di Klay, Nico finisce in un sistema con un progetto e un’idea tattica ben definiti e un coach capace di valorizzare le tante risorse della second e third unit. Con le poche certezze derivanti da una stagione al di sotto delle aspettative, non poteva capitare in un contesto migliore. Diversamente, in squadre con poche ambizioni, avrebbe faticato e tanto. Possibile steal, crediamoci.

Nico-Mannion-2017
Nico Mannion con la maglia della Nazionale Italiana 2017 (Massimo Ceretti/Ciamillo-Castoria)

IL DRAFT COMPLETO

Numero 1: Minnesota Timberwolves – Anthony Edwards, SG da Georgia. Se serviva un esterno con punti nelle mani, non si poteva che scegliere lui. Lamelo e Wiseman, avendo già due star in divenire in quei ruoli, poteva essere un azzardo. Sarebbe importante a questo punto aggiungere un po’ di esperienza in un roster che altrimenti rischia di perdersi alle prime difficoltà per evidente assenza di leader. In questo senso, la firma di Rubio è ossigeno.

Numero 2: Golden State Warriors – James Wiseman, C da Memphis. Tutti credevano che l’infortunio di Klay potesse cambiare i piani dei Warriors che invece sono andati sul prospetto forse più interessante come potenziale.

Numero 3: Charlotte Hornets – Lamelo Ball, PG dalla NBL Australiana (Illawara Hawks). Jordan aveva due chance per risollevare la franchigia e l’umore dei tifosi: prendere Westbrook o scegliere Lamelo. Ha barrato B, per ora… adesso chi prende Rozier?

Numero 4: Chicago Bulls – Patrick Williams, SF/PF da Florida State. Scelta inaspettata e data da molti più in basso. Chicago punta su un giocatore forse meno talentuoso di altri ma decisamente ordinato e già inquadrato.

Numero 5: Cleveland Cavaliers – Isaac Okoro, SF/PF da Auburn. C’era di meglio disponibile? Si, soprattutto come potenziale offensivo. I Cavs sono andati su uno specialista della difesa, scelta molto chiara per colmare uno dei tanti punti negativi della squadra.

Cole-Anthony-UNC-2020
Cole Anthony in maglia Tar Heels 2020 (newsweek.com)

Numero 6: Atlanta Hawks – Onyeka Okongwu, PF/C da USC. Qualcuno ha detto pick and roll con Trae Young? Dopo Capela, Atlanta punta su un altro giocatore dotato di grande verticalità. Un potenziale Adebayo in un sistema di un certo tipo.

Numero 7: Detroit Pistons – Killian Hayes, SG da Ratiopharm Ulm. Detroit esce benone dal draft e si avvia alla ricostruzione. Hayes è un ottimo punto di ripartenza, giocatore creativo e con tanti punti nelle mani.

Numero 8: New York Knicks – Obi Toppin, PF da Dayton. Ennesimo lungo di una squadra che ora deve sfoltire il reparto. Figlio della Grande Mela, già solo per questo legame “territoriale” si prospetta trascinatore. Quello che serviva emotivamente.

Numero 9: Washington Wizards – Deni Avdija, SF dal Maccabi Tel Aviv. Furto caduto fin troppo in basso e seconda chiamata di livello alla numero 9 per Washington (Hachimura lo scorso anno). Se Wall sta bene l’annata sarà tutto tranne che negativa.

Numero 10: Phoenix Suns – Jalen Smith, PF/C da Maryland. Con Ayton, scelta apparentemente poco comprensibile. Gioverà come tutti dell’effetto CP3, potenzialmente l’idea della franchigia è di farlo giocare assieme al big-man.

Deni-Avidja-2020
Deni Avdija in maglia Maccabi FOX Tel Aviv 2020 (nbascoutinglive.com)

Numero 11: San Antonio Spurs – Devin Vassell, SF da Florida State. La scelta degli Spurs cade su Vassell che a Florida State ha dimostrato di essere un giocatore equilibrato e dall’ottimo atletismo. Difensore tenace, rimbalzista feroce e attaccante rapido e intelligente. Tiratore di livello sugli scarichi, poi qualcosa si è inceppato nella meccanica. (49% dal campo e 41.5% da tre). Gli Spurs si confermano squadra a caccia di giocatori intelligenti da plasmare e questo sembra il più adatto al loro sistema: wannabe 3&D.

Numero 12: Sacramento Kings – Tyrese Haliburton, PG da Iowa State. I Kings si assicurano uno dei prospetti di maggior talento alla posizione di point guard, perfetto per giocare con Fox. Haliburton è un giocatore di 1.95 ma incredibilmente rapido e con possibilità di crescita dal punto di vista fisico vista la struttura ancora gracilina. Ottimo playmaker, sempre in grado di muovere velocemente la palla ma, soprattutto nell’ultima stagione ad Iowa State, ha dimostrato di saper anche realizzare. Parte della selezione U19 degli Stati Uniti che ha vinto l’oro nei mondiali del 2019 in Grecia.

Numero 13: New Orleans Pelicans – Kira Lewis Jr, PG da Alabama. I Pelicans la passata stagione hanno impostato un gioco molto rapido e per questo la scelta di Kira Lewis Jr è sembrata quasi scontata. Definito il giocatore più veloce da una parte all’altra del campo dal suo allenatore ad Alabama, Kira Lewis Jr è un difensore molto attivo capace di far esplodere la sua velocità in contropiede. Cresciuto tantissimo dal punto di vista realizzativo nella sua ultima stagione anche lui è stato parte della selezione statunitense U19 che ha vinto l’oro mondiale in Grecia.

Numero 14: Boston Celtics – Aaron Nesmith, SG/SF da Vanderbilt. I C’s si assicurano un realizzatore e attaccante di tutto rispetto. Nesmith è un giocatore dalla meccanica di tiro superba e in grado di segnare con regolarità dietro l’arco: nonostante un infortunio gli abbia fatto chiudere anzitempo la stagione è stato il decimo giocatore per triple segnate nella SEC. Dovrà lavorare molto sulla difesa off the ball, suo tallone d’Achille, attenzione però alla sua capacità di difendere contro big men.

Numero 15: Orlando Magic – Cole Anthony, PG da North Carolina. Come il padre nel ’91 anche Cole viene scelto nella prima metà del primo giro (Greg fu la scelta 11 per i New York Knicks). I Magic si assicurano una delle migliori guardie della class of 2019 della High School americana che la passata stagione ha dovuto saltare 11 partite per una operazione al ginocchio. Attaccante formidabile sempre in grado di trovare soluzioni per segnare, difensore competitivo ma forse troppo disordinato per il basket NCAA. 

Tyrese-Haliburton-College-2020
Tyrese Haliburton con la maglia degli Iowa State Cyclones 2020 (basketballncaa.com)

Numero 16: Detroit Pistons – Isaiah Stewart – C da Washington. Nel Michigan arriva un gigante di nome Isaiah. Centro di 2.05 e 113 chili che si mise già in mostra nei mondiali U17 del 2018 vinti dagli Stati Uniti. Attaccante di assoluto livello in post con un tiro promettente che potrebbe migliorare in futuro. Poco avvezzo a muoversi oltre l’arco è un big man vecchio stile, capace di realizzare e far accumulare falli agli avversari e in grado di contestare quasi ogni tiro nella metà campo difensiva; unico neo la troppa irruenza difensiva.

Numero 17: Minnesota Timberwolves – Aleksej Pokusevski, PF dall’Olympiacos. Nell’era degli unicorni, tutti pensano di arrivare al prossimo Nowitzki. Vederemo se la scommessa di Presti pagherà, ma in un contesto di soli giovani e poche ambizioni immediate qualche rischio c’è.

Numero 18: Dallas Mavericks – Josh Green, SG da Arizona. Dove per ora non sono arrivati via-trade, i Mavs arrivano col draft. Serviva, serve ancora, un tiratore per Luka soprattutto dopo l’addio di Seth Curry. Et voilà.

Numero 19: Detroit Pistons – Saddiq Bey, SF da Villanova. Più difensore che attaccante, giocatore già sufficientemente pronto dal quale ci si aspetta ordine e diligenza sulle due metà campo.

Numero 20: Miami Heat – Precious Achiuwa, SF/PF da Memphis. Un potenziale Adebayo pensato per giocare assieme a Bam e non al suo posto nel giro di un paio di stagioni. Deve lavorare sul tiro, la capacità di passarla è già notevole.

Precious-Achiuwa-Memphis-2020
Precious Achiuwa con la maglia dei Memphis Tigers 2020 (basketballncaa.com)

Numero 21: Philadelphia 76ers – Tyrese Maxey, PG da Kentucky

Numero 22: Denver Nuggets – Zeke Nnaji, PF da Arizona

Numero 23: New York Knicks – Leandro Bolmaro, PG/G dal Barcellona

Numero 24: Milwaukee – RJ Hampton, PG/SG dai New Zealand Breakers (fino a febbraio)

Numero 25: Oklahoma City Thunder – Immanuel Quickley, PG/SG da Kentucky

Immanuel-Quickley-Kentucky-2020
Immanuel Quickley ai Kentucky Wildcats 2020 (ukathletics.com)

Numero 26: Boston Celtics – Payton Pritchard, PG/SG da Oregon

Numero 27: Utah Jazz – Udoka Azubuike, C da Kansas

Numero 28: Los Angeles Lakers – Jaden McDaniels, PF da Washington

Numero 29: Toronto Raptors – Malachi Flynn, SG da San Diego State

Numero 30: Boston Celtics – Desmond Bane, SG da TCU

LBA Serie A 2021/2022: la guida Overtime
Le squadre e tutti i giocatori che saranno protagonisti in questa nuova stagione di LBA Serie A sono...
Olimpiadi Tokyo 2020: il miglior quintetto maschile
Ecco i migliori cinque del torneo olimpico di pallacanestro maschile a Tokyo 2020 (più due menzioni extra)
Olimpiadi Tokyo 2020: Guida al Torneo di Pallacanestro Maschile
Ecco la guida targata Overtime in vista del torneo olimpico di pallacanestro maschile in cui finalmente...

POTREBBERO INTERESSARTI

Film Room: Brandin Podziemski
Nel bel mezzo dell’attuale ricerca di alta competitività e nel recente passato, anche vittorioso,...
Film Room: Dejounte Murray
Gli Atlanta Hawks hanno deciso di tenere Dejounte Murray come perno del proprio back court. Nonostante...
Film Room: Brandon Miller
Il tentativo di uscire dalla mediocrità passa da scelte complicate, lungimiranti e consequenziali rispetto...

Non perdere nemmeno una storia. Iscriviti alla nostra newsletter.

Overtime

Storie a spicchi

Non perdere nemmeno una storia. Iscriviti alla nostra newsletter.