Efes-Milano 2020
Kevin Punter contro Rodrigue Beaubois 2020 (euroleague.net)

Eurolega 2020/21, Round 15: l’Efes rimonta da -17 ma Milano la spunta nel finale

Milano domina per tutto il primo tempo, poi subisce la rimonta insperata dell'Efes e alla fine conquista un successo di grande prestigio contro Larkin (irriconoscibile stasera) e compagnia

Battuto il Fenerbahçe meno di 48 ore fa, l’Olimpia Milano va a caccia di un altro importantissimo successo in terra turca contro l’Efes, squadra ben lontana dai fasti della passata stagione ma sempre con due talenti extra-lusso del calibro di Larkin (ri-utilizzato oggi da sesto uomo) e Micic.

L’AX inizia in difesa con i cambi sistematici (a fine azione anche con Tarczewski) ben attaccati da Micic e soprattutto Simon. Dall’altra parte, Dunston sui pick and roll fa degli show altissimi che rallentano la manovra offensiva avversaria (già non impostata a meraviglia da Delaney e Punter). Proprio l’ex centro di Varese in neanche 3′ fa spendere due falli a Tarczweski, costringendo Hines a fare prematuramente il suo ingresso sul parquet. Dopo i primi canestri di Micov contro Simon, è Beaubois a dare il primo importante strappo alla partita tra difesa (stoppata su un Punter abbastanza caotico) e attacco (5 punti filati spingono sul 12-7 l’Efes). Chiamato in fretta e furia un timeout da Messina e svuotata la “panchina”, Milano si sblocca alzando un po’ il ritmo e il livello di agonismo: prima Hines (con lui anche il rendimento collettivo difensivo meneghino è nettamente migliorato) sfrutta i raddoppi sugli esterni per finalizzare sotto il ferro e poi Datome e Shields capitalizzano i rimbalzi offensivi catturati dal centro ex CSKA per portare Milano avanti sul 17-18. Al termine del primo periodo, Larkin (marcato faccia a faccia da Shields) debutta nella sfida ma non smuove la stessa dai binari dell’equilibrio (20-20 dopo 10′).

L’Efes, al solito quest’anno, attacca molto staticamente in 1vs1 con Micic, Beaubois e Larkin mentre lo stesso folletto neo-naturalizzato turco in difesa permette letteralmente tutto il possibile Shields, il quale però non ne approfitta come dovrebbe. Con il Chacho sul parquet, Milano ha tutta un’altra stabilità offensiva e un paio di sue magie spengono le prime accelerate palla in mano di Larkin (24-26). Uscendo Dunston ed entrando Pleiss, la qualità dei blocchi e della presenza nelle due aree dell’Efes diminuisce paurosamente, consentendo a LeDay (schierato già a metà secondo periodo da 5) di lanciare la prima fuga ospite sul +9. Prevedendo il rischio naufragio, Ataman rimette subito Dunston sul parquet e i suoi blocchi permettono a Beaubois di tenere in vita l’Efes (28-36). Tuttavia, due bombe da scorer puro di Punter e una di Delaney non fanno minimamente abbassare la guardia agli uomini di Messina; anzi, il gap tra le due squadre si allunga fino al +17 prima della classica lacrima di Simon, unico appiglio di un Efes fuori ritmo (31-46 all’intervallo).

Efes-Milano Micic 2020
Vasilije Micic contro le braccia protese di Kyle Hines e Vlado Micov 2020 (euroleague.net)

In avvio della ripresa, l’Efes già dalla prima azione mostra di aver cambiato marcia sfruttando i riccioli di Simon contro Micov mentre Milano gioca “alla Efes” del primo tempo, troppo statica e distratta; in meno di 5′, Micic e Simon recuperano tutto lo svantaggio sfruttando una vagonata di palle perse (Delaney commette errori da matita rossa) e la scarsa reattività avversaria (15-0 il parziale per i turchi). Un semigancio in corsa di Moerman pareggia clamorosamente a quota 46 e serve uno squillo del Chacho a metà periodo per sbloccare finalmente l’Olimpia. Riportato l’equilibrio nella partita (spettacolare il duello nel duello tutto muscolare tra Hines e Dunston), l’Efes fisiologicamente alza le mani dal manubrio e le squadre si scambiano errori ed attacchi mal costruiti. Nel finale di quarto, Micic completa la rimonta siglando la tripla del sorpasso ma un classico tiro in fade-away di Datome consegna la partita al quarto periodo sul punteggio di 52-52.

Al rientro sul parquet, Delaney mette un’altra aggressività e, tra attacco e difesa, non fa capire nulla a Larkin (53-57). Quest’ultimo non riesce a stare in campo e, consegnando il testimone a Micic, l’Efes riprende improvvisamente vigore: prima una sua magia in penetrazione di mano sinistra pareggia sul 57 e poi una tripla da rimbalzo offensivo riporta avanti i turchi di 3 lunghezze. Messina riprova a mettere sul parquet Tarczweski ma la palla persa immediata da lui commessa non perora la sua causa. Singleton, tornato in questa ripresa agli sprazzi da uomo squadra fondamentale per i suoi, insacca la tripla del +6 quando mancano altrettanti minuti alla sirena finale. Ora che il pallone inizia a pesare di più, Shields si prende il palcoscenico forzando due belle pentrazioni per il 65-62 Efes. A 180″ dal termine, Rodriguez da grande campione detta la via ai compagni e, servendo la palla a Punter, pareggia a quota 67. Successivamente, Hines propizia un altro recupero contro dei Micic e Dunston apparentemente a corto di fiato e il Chacho riporta avanti l’Olimpia di 2 punti con 132″ sul cronometro. Punter sul ricciolo fa +4 contro Beaubois ma Dunston dalla lunetta non fa scappare i meneghini (69-71). Simon spreca in contropiede l’opportunità del pareggio (spettacolare Shields), Rodriguez da tre non la chiude e a 15.9″ dalla fine l’Efes ha l’attacco della partita. Tuttavia, Micic fallisce la tripla del sorpasso e, sul seguente fallo intenzionale, Delaney fa 1/2 dalla lunetta ma da metà campo l’Efes non ce la fa a tirare. Vince l’AX 69-72.

Una rimonta da -17, una battaglia tipica da Eurolega e la classe dei campioni Rodriguez, Shields e Hines a metterci lo zampino. Micic si è caricato tutta la squadra sulle spalle ma alla fine lui e Dunston sono arrivati chiaramente a corto di energie. Successo fondamentale dell’Olimpia in ottica playoff e ora sarà importantissimo mantenere il trend la settimana prossima in casa contro il Baskonia.

LBA Serie A 2021/2022: la guida Overtime
Le squadre e tutti i giocatori che saranno protagonisti in questa nuova stagione di LBA Serie A sono...
Olimpiadi Tokyo 2020: il miglior quintetto maschile
Ecco i migliori cinque del torneo olimpico di pallacanestro maschile a Tokyo 2020 (più due menzioni extra)
Olimpiadi Tokyo 2020: Guida al Torneo di Pallacanestro Maschile
Ecco la guida targata Overtime in vista del torneo olimpico di pallacanestro maschile in cui finalmente...

POTREBBERO INTERESSARTI

Film Room: Baskonia Vitoria vs Virtus Bologna
La Virtus Bologna prosegue il cammino in Euroleague dopo la vittoria sul campo del Baskonia, che dall’arrivo...
Alla scoperta del Bayern di Pablo Laso
Dopo tre anni con Andrea Trinchieri sulla panchina bavarese, il Bayern ha iniziato un nuovo ciclo con...
Film Room: Virtus Bologna vs Efes Istanbul
La Virtus Bologna ha ottenuto la quinta vittoria in sei gare in Eurolega, posizionandosi con il secondo...

Non perdere nemmeno una storia. Iscriviti alla nostra newsletter.

Overtime

Storie a spicchi

Non perdere nemmeno una storia. Iscriviti alla nostra newsletter.