Milos Teodosic 2020
Milos Teodosic contro Toto Forray 2020 (eurocupbasketballl.com)

Inizia la caccia ai quarti di finale per Trento e Virtus Bologna

Trento e Virtus Bologna si affiacciano alle Top 16 di Eurocup con uno stato di forma differente, ambizioni differenti ma uguale carica agonistica per dare battaglia

Terminata una regular season più lunga e travagliata del previsto, stanno finalmente per prendere il via le Top 16 di Eurocup. Già salutate Brescia e Venezia, in questa fase le italiane protagoniste saranno solo due, Virtus Bologna e Trento, le quali hanno chiuso rispettivamente al 1° e al 3° posto nei gironi C e D. Ai quarti di finale (che si giocheranno al meglio delle tre partite) accederanno le prime due classificate di ogni girone delle Top 16.

Gironi Top-16 2020
I quattro gironi di Top 16 2020-21 (eurocupbasketball.com)

Dolomiti Energia Trento, i quarti di finale sono un miraggio?

Dopo un girone di andata di regular season sensazionale, la Dolomiti Energia si è un po’ spenta nella tornata di ritorno, causa anche infortuni e conseguenti rotazioni accorciate, chiudendo solamente al terzo posto nel gruppo D. Perciò, nelle Top 16 i trentini sono capitati nel gruppo F assieme ai francesi di Boulogne Levallois, ai russi del Lokomotiv Kuban e ai serbi del Partizan Belgrado.

Calendario Trento

Round 1: 13/01/2021 – @Partizan Belgrado
Round 2: 20/01/2021 – vs Lokomotiv Kuban
Round 3: 26/01/2021 – @ Boulogne Metropolitans 92
Round 4: 02/02/2021 – vs Boulogne Metropolitans 92
Round 5: 03/03/2021 – vs Partizan Belgrado
Round 6: 10/03/2021 – @ Lokomotiv Kuban

Il Metropolitans 92 ha clamorosamente terminato in testa il proprio girone (il B, quello di Brescia) e si sta affermando come una delle sorprese di questa stagione di Eurocup. La formazione allenata da coach Zdovc non ha grandissimi talenti da copertina ma molti buoni team player e sufficiente atletismo complessivo. Il giocatore più interessante è l’ultimo arrivato Archie Goodwin, guardia con parecchi punti nelle mani e immediatamente insignito del ruolo di go-to-guy della squadra. Oltre all’ex Ulm e Phoenix Suns, ci sono i due Brown (Anthony, ala forte undersized eccellente nell’attaccare il ferroe Brandon, playmaker a tutto tondo e uomo barometro ma out per un mese e sostituito a gettone dal messicano Paul Stoll) e i tignosi esterni Michineau, Pinault e Konaté, tutti atleti sopra la media ma senza spiccate capacità nell’1vs1. Sotto le plance, salutato Marei, ci si affida a Ginat e Chikoko, centri statici e molto presenti a rimbalzo. La forza di Boulogne è quella di essere un gruppo unito, rognoso, che non molla mai e che lotta ben sapendo di non aver il talento di tante avversarie. Insomma, squadra da non prendere sottogamba, nonostante non parta coi favori del pronostico neanche in queste Top 16.

Il Lokomotiv Kuban è una delle corazzate della competizione, fermata nella prima fase solo dalla Virtus Bologna e ora la candidata principale a chiudere in testa il girone F. Perso il centrone Alan Williams (ossia il miglior rimbalzista della competizione, con 12.5 carambole arpionate a partita) per infortunio, la squadra di Krasnodar si affida alla sapiente regia di Mantas Kalnietis, leader stagionale per assist di media (8.4), e al talento offensivo di Jordan Crawford e Will Cummings, principali artefici dei 91 punti segnati a gara dai russi (primi in Eurocup). Coach Pashutin ha poi potuto usufruire di Kevin Hervey, lungo “moderno”, leggero e tiratore da oltre l’arco (39.5%), perfetto complemento del centro più interno Reggie Lynch. Da non sottovalutare in aggiunta i contributi che sono in grado di offrire Mindaugas Kuzminskas, seppur nei suoi fisiologici alti e bassi, e gli specialisti difensivi Ilnitskiy, Motovilov e Martiuk. Insomma, una squadra completa (a maggior ragione con l’aggiunta recente dell’atletica guardia ex Olympiacos e Utah Jazz Nigel Williams-Goss), con esperienza, ruoli ben definiti e un’avversaria tosta per chiunque voglia alzare il trofeo a inizio maggio.

Gary Browne Tiro 2020
Gary Browne al tiro 2020 (eurocupbasketball.com)

Il Partizan Belgrado “post-Trinchieri”, seppur non incantando come le passate stagioni, resta una rivale dal grande potenziale. Dopo un avvio di Eurocup in sordina, con l’arrivo di Sasa Filipovski in panchina il gruppo ha ritrovato vigore e si candida ad essere la mina vagante della competizione. Il leader su cui i bianconeri fanno affidamento è Codi Miller-McIntyre, combo-guard da 13.4 punti e 4.8 assist e perno attorno al quale passano parecchie delle speranze serbe. Quando l’americano è in ritmo e in grado di limitare le forzature tutta la squadra ne trae beneficio, specie la coppia di lunghi Rashawn Thomas-William Mosley, eccellente nel “rollare” a canestro e in termini di atletismo. La vera forza del Partizan è comunque il folto core slavo, il quale include delle guardie-ali versatili come Jaramaz, Zagorac, Dangubic, Gordic (più l’americano Paige) e il giovane Trifunovic, la tecnica del centro Jankovic e il dinamismo di un lungo moderno come Mika. I serbi sono arrivati quarti nel difficile gruppo A ma si presentano probabilmente come la candidata principale al ruolo di runner-up del Kuban nel girone, poiché profondi, con esperienza e fisicità in tutti i comparti.

Per Trento si prospetta un girone molto complicato, a maggior ragione in un periodo non facile (ma in ripresa, vedi i due KO in volata contro le corazzate Brindisi e Virtus Bologna) come quello che sta attraversando la Dolomiti Energia. Soprattutto nell’attacco a metà campo, i bianconeri sono troppo prevedibili ricorrendo a statici  e poco redditizi 1vs1 di Williams, Browne e Sanders. Queste difficoltà, oltre che in sconfitte, si sono tramutate in cifre: tra le 16 partecipanti alla seconda fase dell’Eurocup, Trento è penultima sia per produzione offensiva (76.4 punti segnati a partita e 104.4 su 100 possessi, meglio solo di Andorra) che per percentuale da tre punti (32% di squadra, fa peggio solo il Monaco). Fare affidamento unicamente sulla solida metà campo difensiva (seconda in Eurocup per punti concessi su 100 possessi alle spalle della sola Virtus Bologna), potrebbe non bastare agli uomini di coach Brienza, specie contro collettivi così affiatati come quelli delle tre avversarie del gruppo G. La prima partita in casa del Partizan già darà un’indicazione chiara riguardo le concrete chances per Trento di giocarsela: perdere (anche male come accaduto con Gran Canaria e Ljubljana) complicherebbe sin da subito la situazione.

Segafredo Virtus Bologna, vietato sbagliare

Aver dominato il proprio girone e tenuto a bada avversarie complicate come Lokomotiv Kuban e Monaco ha spianato la strada alle V Nere per un girone alle Top 16 estremamente alla portata. Le protagoniste, assieme alla Virtus, del gruppo G saranno gli sloveni del Cedevita Olimpia Ljubljana, i francesi del JL Bourg-En-Bresse e i montenegrini del Buducnost Voli Podgorica.

Calendario Virtus Bologna

Round 1: 13/01/2021 – vs Cedevita Olimpia Ljubljana
Round 2: 
20/01/2021 – @ JL Bourg-En-Bresse
Round 3: 
26/01/2021 – vs Buducnost Voli Podgorica
Round 4: 
03/02/2021 – @ Buducnost Voli Podgorica
Round 5: 
02/03/2021 – @ Cedevita Olimpia Ljubljana
Round 6: 
09/03/2021 – vs JL Bourg-En-Bresse

Il Cedevita Olimpia Ljubljana ha sovvertito parecchi pronostici, issandosi come seconda forza del (non elitario) girone D e presentando un basket aggressivo senza fronzoli o eccessivi tatticismi. Gli sloveni hanno nel duo Kendrick Perry-Jaka Blazic il loro asse portante: insieme combinano per quasi 35 punti e 8 assist di media e mixano efficacemente la velocità e l’eccentricità del primo con la solidità e la leadership del secondo. Jones, Hopkins e Brown sono buoni (seppur non eccezionali) americani di complemento, come gli sloveni Muric e il centro Marinkovic, ma tutto sommato il roster a disposizione di coach Golemac è abbastanza scarno a livello di talento e fisicità. Per loro aver raggiunto le Top 16 (per di più da seconda) rappresenta già un traguardo più che soddisfacente.

Il JL Bourg-En-Bresse è una delle nuove realtà più brillanti che il basket transalpino è in grado di proporre. Come i bianconeri di Sasha Djordjevic, anche i francesi affidano le chiavi della squadra ad un serbo, Danilo Andjusic, play-guardia dal grande talento e autore di 17.7 punti a partita. Oltre a lui, però, i francesi hanno a disposizione un ampio e variegato supporting castPeacock, Omic e Pelos sono i protagonisti biancorossi sotto le plance, tutti dotati di buona tecnica e fisicità sulle due metà campo; Asceric, Courby e Scrubb le tre ali versatili, tiratrici e capaci di coprire vari ruoli (principalmente guardia-ala piccola); Wright la combo-guard fantasista con licenza di attaccare in 1vs1 in caso di raro attacco stagnante (Kadeem Allen, l’altro esterno di rilievo, ha chiesto e ottenuto il rilascio dal club per motivi personali). Attenzione a Bourg, sicuramente la squadra più insidiosa del girone per la Virtus Bologna, dati gli accoppiamenti ottimali in tutti i ruoli con le V Nere.

Kyle Weems 2020
Kyle Weems scambia un cinque con Stefan Markovic 2020 (eurocupbasketball.com)

Per quanto riguarda invece la squadra di Podgorica, si parla di un gruppo con rotazioni molto corte e dei chiari go-to-guy che potremmo vedere in futuro su palcoscenici più prestigiosi, uno su tutti Nikola Ivonavic, montenegrino con caratteristiche molto simili ad Andjusic (guardia in grado di trovare il fondo della retina con infinite modalità). Occhio poi a Justin Cobbs, playmaker puro e molto bravo nell’attaccare il ferro e nel coinvolgere il centro Willie Reed nei pick and roll, e Melvin Ejim, ex Roma e Venezia e tuttofare nel gioco del Buducnost. Poiché aldilà dei nomi citati non vi è nessun altro gran talento degno di nota (soprattutto nel reparto ali), la dirigenza montenegrina è corsa ai ripari firmando il “nostro” Amedeo Della Valle, svincolatosi ad ottobre da Gran Canaria e ora in una squadra dove certamente avrà modo di dire la sua.

Guardando il girone dall’ottica della Virtus e facendo tutti gli scongiuri del caso, il cammino nelle Top 16 si prospetta estremamente alla portata. Contro Buducnost e Ljubljana soprattutto, la Virtus dovrà semplicemente giocare concentrata e far valere la maggiore fisicità e completezza specie in difesa, metà campo in cui non ha rivali per efficienza (100.1 punti subiti per 100 possessi). Diverse saranno invece le sfide con Bourg, collettivo più in forma e di un livello certamente superiore. Tuttavia, non dovrebbero essere queste squadre a impensierire una Virtus sin qui inarrestabile e con anche la nuova freccia in più, tale Marco Belinelli, da inserire totalmente in faretra. La squadra di Djordjevic è la prima in Eurocup per media assist (23.7, con Badalona 2ª staccatissima a 20.5), percentuale da due punti (61%), recuperi (9.4, davanti ad Andorra), stoppate (3.9) ma anche palle perse alle spalle del già eliminato Antwerp (16 turnovers a gara sono effettivamente l’unico dato da sistemare). Tutti questi numeri certificano un roster completo, una batteria lunghi forse senza eguali (Gamble, Hunter, Tessitori, Ricci e Alibegovic, più l’ala tuttofare Weems, chi per tecnica chi per atletismo sono un lusso invidiabile) e una star, anzi la star, Milos Teodosicneo-MVP della stagione regolare di Eurocup. Insomma, l’obiettivo apertamente dichiarato è quello di alzare il trofeo a maggio e queste top 16 dovranno essere propiziatorie per la successiva fase ad eliminazione diretta.

LBA Serie A 2021/2022: la guida Overtime
Le squadre e tutti i giocatori che saranno protagonisti in questa nuova stagione di LBA Serie A sono...
Olimpiadi Tokyo 2020: il miglior quintetto maschile
Ecco i migliori cinque del torneo olimpico di pallacanestro maschile a Tokyo 2020 (più due menzioni extra)
Olimpiadi Tokyo 2020: Guida al Torneo di Pallacanestro Maschile
Ecco la guida targata Overtime in vista del torneo olimpico di pallacanestro maschile in cui finalmente...

POTREBBERO INTERESSARTI

Film Room: Baskonia Vitoria vs Virtus Bologna
La Virtus Bologna prosegue il cammino in Euroleague dopo la vittoria sul campo del Baskonia, che dall’arrivo...
Alla scoperta del Bayern di Pablo Laso
Dopo tre anni con Andrea Trinchieri sulla panchina bavarese, il Bayern ha iniziato un nuovo ciclo con...
Film Room: Virtus Bologna vs Efes Istanbul
La Virtus Bologna ha ottenuto la quinta vittoria in sei gare in Eurolega, posizionandosi con il secondo...

Non perdere nemmeno una storia. Iscriviti alla nostra newsletter.

Overtime

Storie a spicchi

Non perdere nemmeno una storia. Iscriviti alla nostra newsletter.