Zalgiris Milano 2021
Sergio Rodriguez spezza il raddoppio portato da Paulus Jankunas e Lukas Lekavicius 2021 (euroleague.net)

Eurolega 2020/21, Round 28: Milano vince in casa dello Zalgiris

Milano conquista due punti cruciali in classifica e inguaia lo Zalgiris. L'obiettivo playoff è sempre più vicino

Neanche 48 ore dopo il KO contro il Fenerbahçe, Milano scende in campo a Kaunas contro lo Zalgiris in uno scontro cruciale per entrambe. Chi vince fa un passo importante verso i playoff. Chi perde (soprattutto i lituani) rischia di aver lasciato per strada due punti pesanti in classifica. Per coach Schiller assente Milaknis (oltre al solito Garino) mentre Milano dovrà ancora rinunciare a Zach LeDay e Malcolm Delaney. Al Forum, oltre tre mesi fa, l’AX si impose 98-92.

Messina sorprende mettendo in quintetto Evans (non sceso in campo mercoledì) ma l’inizio comunque è a marca Punter e Lauvergne. Lo Zalgiris in difesa cambia a cinque su tutti i blocchi mentre Milano va di aiuto e recupero pre-ruotando dal lato debole con alterne fortune (Evans tramortito dalla lucidità di Lauvergne nel rubargli il tempo). In attacco l’AX si affida totalmente a Punter e Shields, incaricati di attaccare in 1vs1 gli individuati anelli deboli della catena difensiva lituana, Lauvergne e Jokubaitis. Nessuna delle due squadre riesce a piazzare un break e al timeout televisivo la squadra di Messina è leggermente avanti grazie alle invenzioni di un concreto Punter (10-12). Milano però sembra più in palla e giocando il finto pick and roll tra Shields e Punter attacca lucidamente le rotazioni avversarie e fa +7. Schiller risponde abbassando il quintetto e andando con Rubit da 5 (al contrario dei meneghini che invece schierano Tarczewski) ma Milano è eccellente in copertura sugli anticipi e sui riccioli molto stretti giocati dagli esterni avversari. Nel finale di quarto, oltre a una serie di blocchi irregolari e pasticci da ambo le parti sui ribaltamenti, Rodriguez attacca dritto per dritto il piccolo Lekavicius e sigilla il 13-19 con cui si chiudono i primi 10′ di partita.

Lo Zalgiris prova anche la carta della zona-press ma il Chacho, sfruttando l’assenza di centri in copertura del ferro, con degli eleganti floater sigla il massimo vantaggio AX sul +10. Milano resta con la filosofia difensiva dell’aiuto e recupero (Datome molto presente sui ribaltamenti) che funziona ma si scopre all’annoso problema dei rimbalzi offensivi: a tal proposito, Rubit dà fiducia ai suoi, accorcia sul 22-28 e non permette all’AX di scappare. Messina allora ributta nella mischia Kevin Punter (eccezionale anche in difesa su Grigonis/Walkup), accentratore delle attenzioni della difesa avversaria e splendido playmaker stasera, e in un attimo è nuovo +10 Olimpia. Sentito l’odore del sangue, Rodriguez esagera con i passaggi dai blitz di Lauvergne sul pick and roll e innesca lo Zalgiris nella sua specialità, ossia il contropiede e la transizione. Difatti, al termine del primo tempo, Grigonis e Lauvergne sfruttano degli imperfetti ritorni ospiti per vanificare quanto di buono fatto dall’Olimpia nei 18′ iniziali di partita: all’intervallo lungo, il tabellone dice 32-34.

Augustin Rubit attacca Kaleb Tarczewski 2021 (euroleague.net)

Dagli spogliatoi esce meglio l’Olimpia muovendo bene il pallone e riscavando subito un vantaggio più consistente con i soliti Shields e Hines (34-43). Ma dove fa la differenza Milano è in difesa, dove resta con l’aiuto e recupero (in emergenza è ben accetto il cambio di Hines sul piccolo) e ruota benissimo sul lato debole ostacolando i tentativi da tre punti avversari (2/11 sinora di squadra per i lituani). Lo Zalgiris, però non demorde e, oltre a non mollare un centimetro con raddoppi in post, prova a cavalcare il pick and pop con Hayes, l’unico in grado di “aprire la scatola” da fuori, e in un attimo è nuovo -4. Con Grigonis opaco, Milano risponde all’ennesimo avvicinamento avversario aggrappandosi a un monumentale Shields: il suo canestro da tre punti e l’assist per Datome firmano ancora il +10 AX (39-49). Nel finale di periodo, Roll ha il via libero per attaccare ad ogni azione Lekavicius ma le difficoltà di Rodriguez e Tarczewski in difesa permettono a Jokubaitis e a Lekavicius (fantastico reverse a fil di sirena) di tenere lo Zalgiris in scia (45-50).

Il piccolo playmaker lituano continua nel suo momento magico con un movimento indiana fantastico e un assist per il taglio di Jankunas ma Shields in isolamento e in prendi-e-tira (contro un Grigonis abbastanza in confusione) oggi è una sentenza (49-56). La partita sale ancora di più d’intensità, lo Zalgiris insiste con i suoi raddoppi mentre Milano ha la saracinesca Hines a coprire di tutto e di più sotto il ferro in aiuto. A metà quarto, Grigonis inventa una tripla in 1vs1 e, dopo due pesanti errori dalla lunetta, Hines prima viene bucato dalla bomba di Lekavicius, poi si vendica attaccando e stoppando clamorosamente Lauvergne e ribaltando per Datome spegnendo l’inerzia avversaria (57-62). Lo Zalgiris però è un osso durissimo, Lauvergne sul roll segna il layup del -3 ad altrettanti minuti dalla fine; l’immenso Hines risponde a rimbalzo in attacco ma Grigonis, da giocare clutch qual è, segna la tripla del clamoroso -2. Con meno di 120″ sul cronometro, Hines butta la palla sul ribaltamento, Shields e Punter sono eccezionali nella rotazione su Walkup e poi Punter torna finalmente in a stracciare la retina: il suo palleggio arresto e tiro firma il 62-66 con 50″ sul cronometro. Timeout di Schiller, Lekavicius inventa sul cambio contro Hines per Lauvergne ma Shields si guadagna il fallo e fa 2/2 dalla lunetta. Ora lo Zalgiris ha fretta, Rubit e Lekavicius sbagliano e finisce qui sul 64-69.

Partita tirata giocata al punteggio, ai ritmi e alla “mentalità” di Milano, semplicemente eccellente in difesa nonostante i rischi presi e la grinta di Lekavicius e Lauvergne. Shields e Punter oggi hanno sfiorato la perfezione sulle due metà campo, facendo notare molto meno rispetto a mercoledì l’assenza di LeDay e Delaney. Ah, per Hines direi che le parole di elogio sono finite. Prossimo appuntamento per l’Olimpia in campo europeo sarà giovedì 11 sul campo difficile (ma in questo periodo non insuperabile) del CSKA Mosca.

LBA Serie A 2021/2022: la guida Overtime
Le squadre e tutti i giocatori che saranno protagonisti in questa nuova stagione di LBA Serie A sono...
Olimpiadi Tokyo 2020: il miglior quintetto maschile
Ecco i migliori cinque del torneo olimpico di pallacanestro maschile a Tokyo 2020 (più due menzioni extra)
Olimpiadi Tokyo 2020: Guida al Torneo di Pallacanestro Maschile
Ecco la guida targata Overtime in vista del torneo olimpico di pallacanestro maschile in cui finalmente...

POTREBBERO INTERESSARTI

Film Room: Baskonia Vitoria vs Virtus Bologna
La Virtus Bologna prosegue il cammino in Euroleague dopo la vittoria sul campo del Baskonia, che dall’arrivo...
Alla scoperta del Bayern di Pablo Laso
Dopo tre anni con Andrea Trinchieri sulla panchina bavarese, il Bayern ha iniziato un nuovo ciclo con...
Film Room: Virtus Bologna vs Efes Istanbul
La Virtus Bologna ha ottenuto la quinta vittoria in sei gare in Eurolega, posizionandosi con il secondo...

Non perdere nemmeno una storia. Iscriviti alla nostra newsletter.

Overtime

Storie a spicchi

Non perdere nemmeno una storia. Iscriviti alla nostra newsletter.