oscar-wembanyama-asvel-adidas-next-generation-tournament
Il fratello di Victor Wembanyama giocherà l'ANGT (EuroLeague)

L’Adidas Next Generation Tournament prosegue verso Patrasso

Dopo la tappa di Monaco di Baviera, voliamo in Grecia per il secondo torneo di qualificazione.

Il primo torneo di qualificazione giocatosi a Monaco di Baviera ha visto trionfare il Real Madrid, come da pronostico. La squadra spagnola si è imposta senza troppa fatica, vincendo con ampio scarto tutte le partite del proprio girone e concludendo in bellezza con la vittoria sullo Zalgiris nella finalissima. Il promettente Hugo Gonzalez è stato premiato come miglior giocatore dell’Adidas Next Generation Tournament bavarese e lo rivedremo a maggio durante la fase finale di Kaunas.

Durante questa prima tappa abbiamo potuto osservare i ragazzi più promettenti della pallacanestro europea, alcuni dei quali hanno già avuto modo di mettersi in mostra nella massima serie dei rispettivi campionati nazionali. Sono stati inseriti nel miglior quintetto del torneo l’MVP Hugo Gonzalez e Jan Vide del Real Madrid, Alexandros Samontourov del Panathinaikos, Justas Stonkus dello Zalgiris Kaunas e il sorprendente Jack Kayil dell’ALBA Berlino.

Non solo promesse sul parquet, ma anche futuri protagonisti dalla panchina: l’ANGT ha visto il debutto come allenatore di Petteri Koponen. Il finlandese ex Virtus Bologna e Reggio Emilia – alla guida del Next Generation Select Team – ha conquistato la medaglia di bronzo superando di un soffio l’ALBA Berlino (79-82) nella finale per il terzo posto. Ottima la prova generale dei suoi ragazzi, con il tipo di gioco proposto dal nativo di Helsinki che ha per certi versi ricordato il suo stile da giocatore.

Piccola nota negativa il penultimo posto dell’EA7 Emporio Armani Milano, da cui ci si aspettava almeno una lotta per il podio. Con la sola vittoria ottenuta nella finale di consolazione ai danni dei padroni di casa, la compagine meneghina è stata un po’ la delusione di questa prima fase dell’Adidas Next Generation Tournament.

Hugo Gonzalez all'Adidas Next Generation Tournament di Monaco di Baviera
Hugo Gonzalez premiato come MVP dell’ANGT di Monaco di Baviera (Euroleague Basketball)

Adidas Next Generation Tournament: la seconda tappa

Non sono passate nemmeno tre settimane ed è già ora di ritornare in campo. Per la precisione, sarà il Peak Dimitris Tofalos di Patrasso ad ospitare la seconda fase di qualificazione, dal 10 al 12 febbraio. La manifestazione torna nella città greca per il secondo anno consecutivo, dopo aver visto la Stella Azzurra Roma alzare il trofeo superando il Maccabi Tel Aviv con il risultato di 62-74 nella finalissima del 2022.

Alla rassegna ellenica prenderanno parte Joventut Badalona, Promitheas Patrasso, Cholet Basket e RASTA Vechta nel Girone A, con LDLC ASVEL Villeurbanne, Orange1 Bassano, Olympiacos Piraeus e NGT Patrasso nel Girone B. Nonostante le favorite per giocarsi la finale e un posto a Kaunas siano Joventut Badalona e LDLC ASVEL Villeurbanne, siamo di fronte ad un’edizione che non ci permette di avere certezze sul pronostico.

Due squadre – Cholet e RASTA Vechta . partecipano per la prima volta in assoluto, mentre Orange1 Bassano e i padroni di casa del Promitheas potrebbero regalarci l’effetto sorpresa al termine di questa tre giorni di Adidas Next Generation Tournament.

Adidas Next Generation Tournament: Ones To Watch

In un’edizione che non presenta lo stesso tipo di talento visto a Monaco di Baviera, non mancano però di certo i nomi da tenere d’occhio. Spicca sicuramente la quantità di lunghi interessanti, alcuni dei quali con esperienza nel proprio campionato di appartenenza ed altri che sono già stati protagonisti con la nazionale di categoria. Inoltre, non sono da farsi sfuggire i campioncini che potrebbero vestire la maglia di Italbasket nel prossimo futuro con diversi osservatori presenti in Grecia per vederli più da vicino.

Tidjane Salaun – Cholet Basket (’05, 205cm, PF/C – Nazionalità: Francese)

Lungo moderno proveniente dall’INSEP che sta mostrando la sua miglior pallacanestro nel campionato “Espoirs” della LNB. Nonostante la predilezione per il gioco nel pitturato, può trasformarsi in un’arma letale oltre l’arco giocando come spot-up shooter. Da sottolineare i suoi movimenti off the ball e la qualità dei suoi passaggi, ben al di sopra della media per un giocatore con le sue caratteristiche.

Ruben Prey – Joventut Badalona (’05, 208cm, C/PF – Nazionalità: Portoghese)

Superstar assoluta con il suo Portogallo, un predestinato pronto per essere uno dei protagonisti di Badalona tra Liga ACB e coppe europee. Non fatevi ingannare dal suo fisico perché assorbe i contatti come pochi altri, oltre a possedere un movimento di piedi rapido che gli permette di mandare fuori giri gli avversari in post. In difesa è una macchina per rimbalzi e stoppate, mentre in attacco può prendersi tiri da qualsiasi posizione. Questo lo rende decisamente immarcabile.

Ruben Prey giocherà all'Adidas Next Generation Tournament di Patrasso
Ruben Prey (FIBA.basketball)

Oscar Wembanyama – LDLC ASVEL Villeurbanne (’07, 200cm, PF – Nazionalità: Francese)

Il cognome dovrebbe suonarvi familiare e state ben attenti perché qualcuno dice possa diventare più forte di Victor. Il suo archetipo è simile a quello del fratello, ovvero un’ala capace di palleggiare come una guardia e tirare con una facilità estrema. Visione di gioco interessante, movimenti a palla lontana che possono aprire varchi nelle difese avversarie e lunghe braccia con cui difendere. L’assenza di Zaccharie Risacher potrebbe regalarci i primi veri sprazzi di un futuro crack della pallacanestro mondiale.

Theo Airhienbuwa – NGT Patrasso (’06, 197cm, SG/SF – Nazionalità: Italiana)

Scelto da Petteri Koponen per far parte del suo roster finale, questa ala/guardia gioca nella Tezenis Verona e si è gia messa in mostra durante la IBSA Next Gen Cup di Pesaro nel novembre scorso. Atleticamente straripante, gli piace penetrare in mezzo al traffico e chiudere le azioni sopra al ferro, ma ha la capacità per crearsi tiro dal palleggio. Con i mezzi fisici a disposizione, ha le carte in regola per diventare un two-way player di tutto rispetto.

Theo Airhienbuwa
Theo Airhienbuwa (ScaligeraBasket.it)

Veniamin Amposi – Olympiacos Piraeus (’06, 196cm, SF – Nazionalità: Greca)

Ha già ottenuto la benedizione di coach Bartzokas con l’esordio in campionato sebbene solo per un minuto. La sua dimensione sui due lati del campo è preziosa a questo livello e può svilupparsi come 3&D una volta entrato nell’orbita della prima squadra. Giocatore intelligente, rapido con propensione naturale per il gioco in transizione, può difendere praticamente su tutti i ruoli con la stessa efficacia.

Maikcol Perez – Orange1 Bassano (’07, 201cm, SG/SF – Nazionalità: Italiana)

La “Next Big Thing” del basket italiano sta sviluppando il suo gioco in uno dei migliori settori giovanili del nostro paese. Più piccolo di due anni ma con gli strumenti fisici per stare al di sopra degli altri, questa comboguard ama chiudere le azioni sopra al ferro subendo contatti e falli. Il suo palleggio e la sua visione di gioco aggiungono ulteriore carne ad un profilo che può entrare di diritto tra gli standout di questa tappa greca.

Maikcol Perez, volto italiano al prossimo Adidas Next Generation Tournament
Maikcol Perez (Orange1 Basket Bassano)

Nikolaos Soilemetzidis – Promitheas Patrasso (’06, 190cm, PG – Nazionalità: Greca)

Visto lo scorso anno al Play For Passion Tournament di Bassano e agli Europei U16 con la Grecia, questa promettente point guard proverà a portare i padroni di casa il più lontano possibile. Bravo in tutto ma ancora non eccellente nei suoi punti forti, al ragazzo greco piace giocare da facilitatore e indurre le difese a commettere fallo. Ha le capacità per costruirsi il proprio tiro ed essere pericoloso dai 6.75 metri, mentre sull’altro lato del campo difende forte sul portatore e prova spesso hustle plays per recuperare palloni.

Karl Bühner – RASTA Vechta (’05, 200cm, PF/SF – Nazionalità: Tedesca)

Alterna presenze in Pro B con il Vechta a partite nella lega giovanile con il Quackenbrück, dove sposta nettamente gli equilibri. La sua capacità di proteggere il ferro e l’abilità nello stoppare gli attaccanti lo rendono una minaccia costante sotto il tabellone. Ad una realtà difensiva di qualità estrema abbina una fase offensiva legata alle conclusioni nel pitturato e dal pick and pop. Il suo stile di gioco all-around potrebbe trasformarlo nell’attrazione a sorpresa di questo torneo.

Karl Bühner (Rasta-vechta.de)

Il calendario

Di seguito il programma delle partite:

  • Venerdì 10 febbraio
    • Ore 08:00 – Cholet Basket vs Joventut Badalona
    • Ore 10:15 – Promitheas Patrasso vs Rasta Vechta
    • Ore 12:30 – NGT Patrasso vs Olympiacos Piraeus
    • Ore 15:00 – LDLC ASVEL Villeurbanne vs Orange1 Bassano
    • Ore 17:15 – Rasta Vechta vs Cholet Basket
    • Ore 19:30 – Joventut Badalona vs Promitheas Patrasso
  • Sabato 11 febbraio
    • Ore 08:00 – Olympiacos Piraeus vs LDLC ASVEL Villeurbanne
    • Ore 10:15 – Orange1 Bassano vs NGT Patrasso
    • Ore 12:30 – Joventut Badalona vs Rasta Vechta
    • Ore 15:00 – Promitheas Patrasso vs Cholet Basket
    • Ore 17:15 – Olympiacos Piraeus vs Orange1 Bassano
    • Ore 19:30 – LDLC ASVEL Villeurbanne vs NGT Patrasso
  • Domenica 12 febbraio
    • Ore 08:00 – Finale per il 7° posto
    • Ore 10:15 – Finale per il 5° posto
    • Ore 12:30 – Finale per il 3° posto
    • Ore 15:00 – Finale per il 1° posto

I roster dell’Adidas Next Generation Tournament

A ridosso della prima palla a due che darà il via al secondo torneo di qualificazione in quel di Patrasso, ecco come si presenteranno le otto squadre coinvolte nella rassegna. Ricordando che, fino all’ultimo, potranno essere aggiunti nuovi giocatori ai rispettivi roster.

Cholet Basket

Centri: Djiguiba Traoré (2005); Adrien Niedergang (2007)

Ali: Gabin Lefort (2006); Amael L’Etang (2005); Nils Lobry-Pathouot (2007); Tidjane Salaun (2005); Noah Koussou (2007)

Guardie: Soren Bracq (2007); Erwan Ntsantso Djoni (2007); Elidjah-Gabriel Lamart (2005); Jeremy Hilderal (2006)

Joventut Badalona

Centri: Ruben Prey (2005); Ian Platteuw (2007)

Ali: Aristode Dwayne (2006); Iker Garmendia (2006); Alejandro Diez (2005); Karim Lopez (2007); Eric Del Castillo (2007)

Guardie: Albert Garrido (2005); Terence Kekenbosch (2007); Conrad Martinez (2005); Pau Majoral (2005); Adria Dominguez (2006)

LDLC ASVEL Villeurbanne

Centri: Thomas Andrieux (2006); Anton Mendy (2006); Mervyn Muamba (2005)

Ali: Roberts Blums (2005); Felix De Almeida (2005); Oscar Wembanyama (2007); Philibert Loussavouvou (2005)

Guardie: Mathis Courbon (2005); Theo Guedegbe (2007); Yohann Sissoko (2006); Adam Atamna (2007); Touré Killyan (2006)

Next Generation Team Patrasso

Centri: Yannick Pinas (2006)

Ali: Alberto Blanco (2006); Roman Domon (2005); Ryan-Preston Mendy (2006); Ousmane Ndour (2005); Michael Sprintzios (2005)

Guardie: Kaya Mutambirwa (2005); Eleftherios-Kosmas Liotopoulos (2006); Janne Müller (2006); Ben Saraf (2006); Yagiz Aksu (2006); Theo Airhienbuwa (2006)

Olympiacos Piraeus

Centri: Pavlos Giakai (2006); Evangelos Sotiropoulos (2005)

Ali: Emmanouil Alexis (2005); Georgios Labropoulos (2005); Filippos Saplaouras (2005); Veniamin Amposi (2006);

Guardie: Apostolos Paziotopoulos (2005); Spiridon Aggelopoulos (2006); Andreas Mavrantzotou (2005); Stamatios Kouzoukas (2005); Georgios Saltarikos (2006); Curro Segura (2006)

Orange1 Bassano

Centri: Petar Kuzmanic (2006); Charles Atamah (2006)

Ali: Jairo Van Den Berg (2006); Sherif Usman (2005); Timoty Van Der Knaap (2005); Tymoteusz Sternicki (2006)

Guardie: Mattia De Martin (2005); Francisco Zustovich (2006); Matteo Rinaldin (2005); Matteo Porto (2005); Maikcol Perez (2007); Giannis Odzebe (2008)

Promitheas Patrasso

Centri: Alexadros Skliros (2008); Ioannis Kanavos (2005)

Ali: Dimitrios Kalliakoudas (2005); Konstantinos Gryllis (2005); Grigorios Prekas (2006)

Guardie: Ioannis Nikolopoulos (2005); Konstantinos Athanasopoulos (2006); Nikolaos Soilemetzidis (2006); Matija Stevovic (2007); Vasileios Vlassis (2006); Nikolaos Vasileiou (2005); Charilaos Paraskevopoulos (2005)

RASTA Vechta

Centri: Junar Grünloh (2005); Tim-Felix Bühren (2005)

Ali: Alen Blakaj (2007); Benedict Baumgarth (2006); Jarne Jürgens (2005); Karl Bühner (2005)

Guardie: Michel Schillmöller (2007); Julius Bronnert (2005); Jonas Groß (2005); Djairo Bernardina (2007); Johannes Hellmann (2006); Nicolas Marty Decker (2005)

L'Adidas Next Generation Tournament va in scena a Belgrado con vista sulle finali
Nella capitale serba conosceremo chi seguirà Real Madrid, Joventut Badalona e Barcellona alle ANGT Finals...
L'Adidas Next Generation Tournament si ferma sulle coste di Zara
In Croazia, un'altra spagnola potrebbe raggiungere Real Madrid e Joventut Badalona alla fase finale.
Volare con Khalifa Diop e Ismaël Kamagate
Anatomia di due dei talenti più talentuosi d'Europa tra i lunghi, e non solo.

POTREBBERO INTERESSARTI

L'Adidas Next Generation Tournament va in scena a Belgrado con vista sulle finali
Nella capitale serba conosceremo chi seguirà Real Madrid, Joventut Badalona e Barcellona alle ANGT Finals...
L'Adidas Next Generation Tournament si ferma sulle coste di Zara
In Croazia, un'altra spagnola potrebbe raggiungere Real Madrid e Joventut Badalona alla fase finale.
L'Adidas Next Generation Tournament parte da Monaco di Baviera
Iniziamo il nostro percorso alla scoperta dell'ANGT, che parte dalla Germania.

Non perdere nemmeno una storia. Iscriviti alla nostra newsletter.

Overtime

Storie a spicchi

Non perdere nemmeno una storia. Iscriviti alla nostra newsletter.