Desmond-Bane-Memphis-Grizzlies
Desmond Bane - Credit: Nic Antaya/Getty Images

Film Room: Desmond Bane

All’ingresso in NBA, per tante scelte al di fuori della lottery, è una sfida costante e un interesse ad accrescere il proprio skill set all’interno del contesto di inserimento. Desmond Bane è un bellissimo caso: entrato al Draft 2020 con la scelta numero 30, è oggi una delle rising stars più sotto traccia. Pochi giovani hanno mostrato miglioramenti tangibili come lui. Ogni anno ha aggiunto aspetti al suo gioco e aumentato di efficacia. Ora, il progresso nello sviluppo del suo pacchetto offensivo è vicino a completarsi. L’aspetto positivo è la stabilizzazione di ciò che lo ha da sempre rappresentato come prospetto, unito a un distinto aumento di produzione in ogni voce statistica.

In ogni stagione, Desmond Bane ha tenuto una 3P% pari o superiore al 40.0% (38.4% nel 2023/24) presentando costante minaccia per le difese avversarie. Mentre punti e assist sono saliti, come i tiri dal campo mantenendo una lineare progressione nella percentuale reale (56.3% EFG, 10° dato tra giocatori con 7.0 o più 3PA). Se si considerano anche i tiri liberi, è all’undicesimo posto nella Lega (60.1% TS). Come si vede, impatto e capacità di creare e realizzare tiri è di alto livello. Quando si contestualizza il gioco tra metà campo e transizione, Desmond Bane si posiziona vicino a guardie oggi candidate All-Star. Qualcosa per cui presto varrà di altrettanta attenzione. Al momento, questo lo rende molto più di una seconda opzione offensiva.

L’identità solida di Desmond Bane

In transizione (4.5 possessi a partita, 1.29 PPP, 68.9% EFG%), Desmond Bane non è soltanto utile come tiratore in corsa a riempire ala e angoli. Pur rappresentando la prima fisionomia più comune, è anche primo palleggiatore. Contro una difesa non schierata, è fondamentale ricercare gli spazi vantaggiosi. Un tratto sottovalutato di Desmond Bane è la velocità. Mentre si intravedono abilità oggetto di approfondimento: il palleggio (in out dribble in clip 1) e la creazione del proprio tiro (clip 2). I Memphis Grizzlies cercano spesso nei primi secondi una conformazione a 5 fuori con attacco in palleggio dal lato. In questo caso, la preparazione più o meno attiva della difesa a proteggere il pitturato può aprire a una penetrazione (clip 1). Oppure uno scarico contro aiuti interni con un secondo attaccante a un passaggio di distanza (clip 3). Questo è il primo aspetto che esalta le doti di Desmond Bane con e senza palla.

Fin dall’inizio Desmond Bane ha una certa reputazione di giocatore prolifico con i piedi per terra e in uscita dai blocchi. Oppure in grado di punire le rotazioni difensive scatenate da un primo vantaggio creato da un compagno. Come etichetta più pressante sull’identikit, è un asset sempre risultato e tuttora valido vista la decima 3P% più alta in catch-and-shoot (44.5%) tra giocatori con 3.0+ tentativi in 20 o più gare. I Grizzlies continuano a inserire Desmond Bane in azioni off ball (stagger in clip 1, slice screen-the-screener in clip 2) pur essendo diminuita la frequenza di questi possessi. Rimane un’opzione estremamente efficace quando l’attenzione della difesa è diretta verso il palleggiatore. Questa è una delle ragioni per cui il backcourt con Ja Morant si è dimostrato da subito pericoloso. Pur aprendo a questioni tattiche riguardo il coverage contro la point guard e stimolando una crescita con la palla in mano di Desmond Bane.

Di conseguenza, sta rimuovendo la componente di dipendenza da queste situazioni. In modo da utilizzare in senso offensivo sempre più accurato il suo talento da tiratore. Ma oltre il tiro da tre punti, ogni possesso diventa opportunità di attacco da letture che testimoniano la sua evoluzione. Nei primi due video mostrati, da flare screen (con taglio da angolo a liberare il lato) adatta la scelta da ricezione in base al comportamento difensivo. Se insegue e il lungo non cambia o esce, ha tempo per mettere i piedi a posto e far partire il tiro. Mentre se il passaggio è sotto il blocco, incontrando l’attaccante sulla ricezione, mette palla per terra e crea il proprio tiro. Non c’è dubbio sull’impatto in floor spacing di Desmond Bane, ma per apportare valore nel lungo periodo è necessario andare oltre una singola dimensione. Ecco perché si aggiungono dei set dove l’uscita è funzionale ad attaccare delle linee di penetrazione. Da Gut handoff si nota come lo spazio su lato destro del campo è aperto con solo un giocatore in lato forte.

La nuova veste offensiva

La dimensione da self creator passa da tre componenti chiave: più fiducia nel palleggio, tiri da pull-up e penetrazioni. Questo genera un’abilità in Desmond Bane a segnare a tre livelli: al ferro, dal midrange e da tre punti. La proiezione stagione dopo stagione combina aumento in frequenza ed efficacia. Da palleggiatore in pick-and-roll, l’utilizzo è passato da 2.4 possessi nel 2021/22 (0.77 PPP), 3.4 nel 2022/23 (0.95 PPP) e 6.5 nel 2023/24 (0.99 PPP). Per quanto riguarda le penetrazioni a partita, nello stesso periodo il volume è passato da 5.3 (44.9% FG), 8.9 (50.9% FG) a 11.4 (52.9% FG). Desmond Bane è molto più a suo agio nel giocare sui blocchi e nel trovare ritmo e spazio per segnare. Lo si vede dall’impatto dell’esitazione nel creare un gap nella difesa battendo lo stunt alzando la raccolta della palla (clip 1), nel cambio di direzione e arresto per non arrivare vicino a canestro (clip 2). Anche da entrambi i lati (clip 3-4) quando il lungo avversario è sbilanciato verso il lato del blocco andando in reject.

L’uso del handoff è un fit interessante per Desmond Bane. Perché presenta diversi benefici ed è spesso utilizzato per dare maggiore vantaggio nel gioco a due con un lungo a meno di cambi sistematici difensivi. Ovviamente la minaccia da tiratore forza il difensore a inseguire di norma, mentre la prestanza nella parte superiore del corpo gli permette di tenerlo dietro e prendere velocità reagendo agli aiuti difensivi. Nella transizione da off ball a on ball player, aspetto da non sottovalutare è il contorno e come si adopera per creare delle spaziature congeniali. Nella prima clip, l’interscambio in lato debole ritarda l’intenzione di presentare una rotazione alla linea del tiro libero. Oppure, il possesso successivo per impostazione ricorda quello precedente da Gut handoff per generare un attacco al ferro, dove Desmond Bane si separa dal lungo alto sul perimetro. Di nuovo la dominanza del palleggio, come il terzo effettuato è aggressivo per passare l’aiuto e prendere contatto con il difensore (clip 3). Infine, combinare azioni su entrambe i lati dove in realtà il coinvolgimento di Desmond Bane apre a spazi per i compagni (clip 4).

I tiri da due punti non assisiti erano il 40.4% nel 2021/22, 47.9% nel 2022/23 e 59.4% in questa stagione. Riguardo i tiri da dietro l’arco la tendenza è la stessa: 16.7%, 27.1% e 38.2%. Questa è l’area più ricca di spunti riguardo la crescita di Desmond Bane e dove gli istinti da attaccante sono più visibili. Nel primo possesso mostrato, legge il posizionamento del difensore in attesa del blocco per spingerlo in quella direzione. Immediato lo sprint opposto e nel tentativo di restare con lui, lo sbilancia ulteriormente con lo step back dal palleggio. Nei successivi (clip 2 da handoff, clip 3 da transizione primaria) cambia il punto di arresto e rilascio del tiro secondo la vicinanza del rim protector, sempre passando degli aiuti che non gli impediscono di aggredire il pitturato facendo ottimo uso della propria forza fisica. L’ultimo possesso è un perfetto esempio che riassume ogni miglioramento di Desmond Bane. Per come passa da tentativo di rifiuto del blocco, chiuso dal lungo avversario, gioca Get action con handoff per prendere velocità. Gira l’angolo, alza la raccolta della palla e conclude in lay up.

La presa di posizione di Desmond Bane

Con l’assenza di Ja Morant nelle prime 25 gare stagionali, Desmond Bane si è affermato come go-to-guy dei Memphis Grizzlies. Guidando l’attacco come prima minaccia offensiva e priorità difensiva, abituandosi a un certo trattamento nei suoi confronti. Al netto dei risultati di squadra, per lui e anche per Jaren Jackson Jr è stato un periodo di formazione e maturazione importante con uno sguardo al futuro. Perché trovandosi in una diversa posizione per aiutare la squadra pur restando efficiente, Desmond Bane ha guadagnato una certa dose di rispetto e attenzione nella Lega. Questo significa, soprattutto inizialmente, affrontare situazioni nuove come responsabilità a creare vantaggio a gioco rotto e con poco ritmo. Ma anche in questo caso Desmond Bane ha risposto presente cercando di prendersi sempre più responsabilità. Talvolta, può anche determinarsi in concessioni offensive speciali come mostrato nell’ultimo possesso. Seppur al momento l’unico elemento sotto la media di efficacia realizzativa è il tiro da tre punti in pull-up, con il 34.6% su 5.1 3PA ma su un volume decisamente più consistente (3.3 3PA nel 2022/23).

Desmond Bane conclude con il 68% FG al ferro (65° percentile tra Wings). Si tratta di un buon dato con una frequenza del 29%, ma con ampi margini di miglioramento. La sua wingspan non è dirompente e questo può rappresentare un limite. Quindi la varietà passa da altri fondamentali come il controllo del tempo: si vede come le accelerazioni sono funzionali ma possono compromettere l’equilibrio quando poi deve finire. Allo stesso tempo, accurare il tocco nei pressi del ferro (clip 2) e aggiungendo soluzioni per anticipare l’aiuto del lungo (clip 4). Un aspetto è l’eccessiva esposizione del pallone nello spazio visivo dell’avversario e saper quando convertire un cambio all’ultimo forzato in un mismatch favorevole da portare internamente con un indietreggiamento in palleggio sul perimetro (clip 3). In stagione, Desmond Bane è 24° in Drives/75 Possessions e 47° in Drives Assist Rate% (una metrica che misura la frequenza con cui da una penetrazione si registra un assist).

A tal proposito, con più possessi a disposizione (nel periodo intercorso tra il rientro e il successivo season ending injury di Ja Morant), è automatico l’impatto sulle voci di passatore per Desmond Bane (AST% da 20.2 a 26.5). Infatti, tra i suoi assist rientrano passaggi dove per quanto compensati come tali, determinano in realtà maggiormente abilità di chi riceve nel segnare un tiro. Perciò, il volume di opportunità di scoring create per i compagni è aumentato. Questo è il più grande oceano blu in termini di versatilità e visione ma i primi segnali da pick-and-roll sono incoraggianti. In quanto appare in controllo nel servire passaggi dinamici dal palleggio dove è consapevole nel trovare il vantaggio dalle rotazioni difensive (clip 2-3). Non essendo il primo trattatore nelle dinamiche offensive dei Memphis Grizzlies, certamente non sarà costante l’esposizione a questo genere di situazioni, data anche dal fatto di condividere il reparto con altri palleggiatori. Ma come in ogni altra dinamica di gioco, aspettativa e rendimento atteso sono alti per Desmond Bane.

Quando è avvenuto il ritorno di Ja Morant a Marcus Smart a pieno regime, la conseguenza registrata sullo USAGE% (percentuale di passaggi utilizzata dal singolo giocatore) di Desmond Bane è stata tangibile. Da 28,1% nei primi tre mesi di stagione, il dato è sceso a 21.5 nel mese di gennaio, dove però sta avendo il valore di efficienza al tiro (punti su 100 tentativi dal campo) più alto in assoluto. Perché l’abilità a giocare con e senza palla lo rende molto versatile all’interno dell’attacco. Senza affrettare nulla e con etica e dedizione, Desmond Bane si sta ritagliando un posto ben preciso all’interno di tutta la Lega, dove è solo questione di tempo prima che riceva le lodi che merita. L’annata dei Memphis Grizzlies non sorride a nessuno visti i lunghi infortuni che compromettono ogni possibile competitività, ma i reali benefici di tutto ciò vanno ben oltre un presente complicato.

NBA Finals Preview: Boston Celtics vs Dallas Mavericks
È tempo di NBA Finals: i Boston Celtics e i Dallas Mavericks si apprestano a scendere sul più prestigioso...
Film Room: Zion Williamson
La stagione dei New Orleans Pelicans procede sotto traccia. Attualmente quinti nella Western Conference...
Film Room: Damian Lillard
La stagione dei Milwaukee Bucks è stata ricca di vicissitudini di vario tipo. Il primo periodo di transizione...

POTREBBERO INTERESSARTI

NBA Finals Preview: Boston Celtics vs Dallas Mavericks
È tempo di NBA Finals: i Boston Celtics e i Dallas Mavericks si apprestano a scendere sul più prestigioso...
Film Room: Zion Williamson
La stagione dei New Orleans Pelicans procede sotto traccia. Attualmente quinti nella Western Conference...
Film Room: Damian Lillard
La stagione dei Milwaukee Bucks è stata ricca di vicissitudini di vario tipo. Il primo periodo di transizione...

Non perdere nemmeno una storia. Iscriviti alla nostra newsletter.

Overtime

Storie a spicchi

Non perdere nemmeno una storia. Iscriviti alla nostra newsletter.